SOTTOPIATTO News

Per un pugno di link: quello che scrivono gli altri

di Gabriele Rosso 08 feb 2020 0

Complessità e frizioni nel mondo Prosecco, come funziona (ma da dove viene?) il pollo KFC, come lo stoccafisso norvegese ha conquistato l'Italia, il fish & chips inglese che non ha bisogno di cambiare.

Le cose più interessanti che ho letto sul web negli ultimi giorni, commentate.

Il lato nascosto del Prosecco
Un paio di settimane fa ho condiviso un testo comparso sul catalogo di una distribuzione di vini, oggi è la volta di un video. Segno del declino degli spazi tradizionali di scrittura gastronomica? Forse, o forse anche di un'apertura a strumenti e luoghi diversi. Fatto sta che questo video di Alessia Albertin e Alberto Bellotto merita una visione perché si occupa del mondo Prosecco mettendone in luce la complessità, le sfaccettature, le frizioni. Che riguardano il rapporto tra viticoltura intensiva e cittadini dei piccoli paesi dell'area, spaventati dall'uso di sostanza chimiche in vigna, ma anche quello tra i grandi produttori e gli spaventosi numeri del settore da un lato, e i piccoli-medi produttori dall'altro, come testimoniano le sagge parole di Luca Ferraro. Insomma, non è tutto oro quello che luccica - Internazionale

Ho visto come preparano il pollo di KFC e pensavo molto peggio
Ho sempre letto con interesse di fast food e delle loro strategie in un mondo gastronomico che piano ma inesorabilmente sembra andare in direzione contraria rispetto all'immaginario delle grandi catene. Ecco il motivo per cui condivido volentieri questo articolo di Alice Caccamo, che ha un pregio indiscutibile: la schiettezza. Alice ha approfittato di una visita dedicata alla stampa di settore per osservare da vicino KFC, e ne è uscita con alcune certezze e qualche dubbio: sul primo versante annoveriamo la ricerca di un lavoro di discreta qualità, sempre in ottica fast food certo, sul secondo la vaghezza se non l'imprecisione delle risposte sulla provenienza della materia prima. Il problema, a mio avviso, non è tanto che i polli vengano dall'Olanda, da vari Paesi europei o dalla Polonia, quanto la mancanza di trasparenza. Se un'azienda è convinta della sua scelta di approvigionamento, perché non deve difenderla pubblicamente? Ecco, su questo aspetto forse KFC deve ancora lavorarci un po' - Munchies

OLTRE CONFINE

How Dried Cod Became a Norwegian Staple and an Italian Delicacy
Qualche giorno fa in una pescheria cuneese (zona non granché nota per il suo pescato, certo, a meno che non si tratti di trote), mentre mi apprestavo ad acquistare un sacchetto di vongole per placare una mia incontenibile passione, sono stato circondato da un gruppo di arzille vegliarde. Tutte quante hanno comprato esclusivamente del baccalà. Pur sapendo la storia di questo ingrediente e i motivi per cui anche nel basso Piemonte è così diffuso, sono rimasto un po' stupito dalla profondità del suo radicamento. In questo articolo di Roff Smith si racconta la storia dello stoccafisso norvegese delle Lofoten (che non è la stessa cosa, perché essiccato invece di essere conservato sotto sale) e della sua fortuna proprio in Italia. Una storia lunghissima, che si perde nel Quattrocento, quando un viaggiatore veneziano naufragò da quelle parti e tornò a casa mesi dopo portando con sé dello stoccafisso, appunto. A dimostrazione che, per quanto quello là continui a spararle grosse, la cucina italiana, come tutte le cucine, è un viaggio in continuo aggiornamento, fatto di scambi oltre confine e influenze - Gastro Obscura

Angel Lane Chippie, Penrith: ‘It doesn't need changing’
Rimanendo in tema merluzzo, mi piace condividere questa recensione di Grace Dent perché non è semplicemente una recensione: racconta in modo approfondito la specificità e l'identità del locale recensito, di modo che il lettore che vorrà provarlo non potrà trovarsi spiazzato o non soddisfatto. Siamo in Cumbria, nella zona nord-ovest dell'Inghilterra. Da Angel Lane Chippie si gusta uno dei migliori fish & chips del Paese, a quanto pare, ma soprattutto c'è un'atmosfera vecchio stampo genuina, non ricostruita, né inutilmente celebrata. Ed è questo il motivo per cui l'autrice dell'articolo sostiene che in fondo, quando nella vulgata anti-Brexit si diceva che gli inglesi si sarebbero persi pure il bello delle cucine oltre confine, e che sarebbe rimasta solo la spazzatura britannica, beh lei non si faceva spaventare: sapeva di poter contare su Angel Lane Chippie, in fondo - The Guardian

IN PILLOLE

Il cuore di Rialto, uno dei mercati più antichi d'Italia
Abbiamo detto di pesce (merluzzo, nello specifico) e Venezia. Non si poteva che continuare con questo articolo di Chiara Ugolini sul mercato di Rialto - Repubblica Sapori

The Joy of Cooking Naked
Il nudismo in cucina spiegato da Priya Krishna, nonostante il rischio di schizzi di sugo e bruciature - The New York Times

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti