IN COLLABORAZIONE CON ASSOBIRRA

La pizza di casa

di Camilla Micheletti 19 dic 2014 0

Per preparare una buona pizza anche nel forno di casa non serve essere esperti, bastano pochi accorgimenti e la birra giusta da abbinare.

Un po’ a causa della crisi, ma anche per una rinnovata voglia di sperimentare in cucina, sempre più persone decidono di mettere le mani in pasta. Negli ultimi tempi il fenomeno della pizza a casa si è sviluppato a tal punto da aver creato, su siti e riviste specializzati, non poche diatribe tra sostenitori del lievito madre e quelli del lievito di birra, talebani dell’alveolo nel cornicione ed estimatori della pizza sottile.

Realizzare un’ottima pizza a casa non è impossibile, basta adottare piccoli accorgimenti e avere pazienza: una pizza di qualità – sia che sia fatta con il lievito di birra che con il lievito madre – passa per una
lunga lievitazione. Ecco quindi alcuni consigli per realizzare una pizza perfetta, con i consigli sui luoghi dove trovare la birra giusta da abbinare.  

• Il lievito giusto per il giusto impasto 

Che si tratti di lievito di birra o di lievito madre, la vostra scelta influenzerà inevitabilmente il risultato finale.  

Il
lievito di birra, utilizzato con una farina ricca di glutine, è preferibile se si vuole preparare una pizza più sottile, dal momento che questo tipo di materia prima permette di ottenere un impasto molto estensibile. Il lievito madre, invece, richiede una lavorazione più complessa e tempi di lievitazione molto lunghi: la pizza risulta più digeribile e c’è la possibilità di ottenere dischi di pasta più spessi, con il caratteristico cornicione alveolato.  

• Per un impasto saporito 

Per fare una buona pizza ci vuole
un’ottima materia prima: scegliete preferibilmente farine provenienti da cereali biologici macinati a pietra. Prodotti del genere oggi si trovano anche nei supermercati, grazie alla maggiore richiesta da parte di appassionati e consumatori attenti. Se si sceglie di utilizzare il lievito madre, per dare maggiore sapidità all’impasto si può sostituire una parte della farina con la semola di grano duro macinata integrale. 

• Una farcitura per valorizzare l’impasto, non per nasconderlo! 

Gli
ingredienti che si scelgono per la farcitura sono l’ultima importante variabile per completare la nostra pizza casalinga. Questo piatto nasce come cibo di strada, realizzato con pochi ingredienti poveri, come il pomodoro, l’olio e la mozzarella. 

È buona pratica optare sempre per ottime materie prime, preferibilmente locali, ricordandosi che
il protagonista della pizza deve essere l’impasto: gli ingredienti utilizzati devono valorizzarne il sapore, non coprirlo.


• Le nostre ricette da replicare a casa 

La pizza alla napoletana 

La pizza in teglia
 

La pizza di scarola 

• Abbiamo fatto la pizza, ora scegliamo le birre
  

Quando si scelgono le birre da abbinare alla pizza,
è importante procurarsi la giusta bevanda per il tipo di pizza che abbiamo deciso di preparare. Se non è difficile abbinare tra di loro i tanti stili birrai con le diverse pizze (qui una panoramica degli abbinamenti consigliati), in molti casi non è altrettanto semplice trovare la birra perfetta.  

Non tutti hanno il tempo di girare per birrifici
: per fortuna negli ultimi tempi l’offerta di birra nei supermercati sta aumentando, complice un rinnovato interesse dei consumatori per il mondo brassicolo. Esistono, tuttavia, alcuni locali specializzati nella vendita diretta di birra in bottiglia o sfusa. Sono i
beer shop, dove oltre a una bella selezione di birra proveniente da tutta Italia, e in molti casi anche dal mondo, i gestori sono quasi sempre veri e propri fanatici della birra, che non vedranno l’ora di aiutarvi a realizzare l’abbinamento esatto. Potete trovare un elenco qui: www.mondobirra.org/beershop.   


Photo Credits: Alessandro De Marchi/Flickr, Ben Bugli/Flickr

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti