Metodi di cottura

Gamberi bolliti o al vapore

12 giu 2014 0

Due cotture brevi e leggerissime.

Foto di Archivio Slow Food / Laura Ascari

La polpa del gambero è molto delicata e una cottura eccessiva la rende dura e stopposa. Il suggerimento, quindi, è di preferire cotture brevissime

Gamberi bolliti

Lessare i gamberi è molto semplice
: l’unico problema è quello di oltrepassare il giusto punto di cottura del gambero, che come abbiamo detto è molto delicato. L’artificio di spegnere il fornello appena gettati i gamberi ti aiuterà a non sbagliare. 

Per prima cosa, immediatamente prima alla cottura, bisogna provvedere a sgusciare i gamberi. Qui ti mostriamo come fare

1. Portate ad ebollizione una buona quantità di acqua salata e gettate i gamberi sgusciati o senza testa. 




2. Fateli bollire per 2 minuti, poi scolateli. Potete anche spegnere il fornello e lasciare i gamberi scoperti per 5- 10 minuti, secondo la loro dimensione. Il carapace e la testa li potete conservare, anche in freezer, per fare un fumetto. 

Gamberi al vapore

Anche la cottura al vapore può risultare troppo prolungata. Usate anche qui il trucco di spegnere il fornello. 

1. Mettete dell'acqua in una vaporiera ed eventualmente erbe o spezie per profumarla.

2. Ponetevi sopra la teglia bucherellata contenente i gamberi. Spegnete il fuoco e lasciateli per 5-10 minuti, secondo la dimensione. 

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti