Zuppa di germogli di soia

Inserimento della valutazione...
di
Minestre e Zuppe Cina Senza Glutine
Zuppa di germogli di soia Foto di Paolo della Corte - Foodrepublic
DIFFICOLTÀ: Facile
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

250 g di germogli di soia
una grossa carota
150 g di petto di pollo
un litro abbondante di brodo di pollo
un cucchiaio di aceto di riso  oppure  un cucchiaio di aceto di mele
2 scalogni
una grossa noce di radice di zenzero
salsa di soia  oppure  sale

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Sciacquo i germogli di soia e li faccio ben sgocciolare. Raschio la carota e la passo dall’apposita grattugia riducendola a julienne. Taglio il petto di pollo prima a fettine sottili e poi a bastoncini. Dopo aver eliminato la scorza, grattugio la radice di zenzero. Pulisco gli scalogni e li trito.

Raccolgo tutto quanto preparato in una casseruola con il brodo e faccio alzare l’ebollizione quindi abbasso la fiamma, unisco l’aceto e faccio bollire dolcemente per 10 minuti.

Trascorsi i 10 minuti, unisco alla zuppa i germogli di soia e proseguo la cottura per altri 3 o 4 minuti. Alla fine, per dare alla preparazione un gusto più o meno cinese regolo la salatura con poca salsa di soia.

Se desidero una zuppa più densa, insieme ai germogli, unisco alla zuppa una manciata di spaghettini di riso.

Per saperne di più

Germogli di soia home made

I metodi sono molti, noi li abbiamo preparati così. Prima cosa abbiamo tenuto a bagno una manciata di semi di soia in acqua tiepida per 24 ore, poi li abbiamo allargati in una vassoietto di plastica (quelli del supermercato) con il fondo fittamente bucherellato. Messo il vassoietto dentro un altro senza buchi e avvolto il tutto in un sacchetto di plastica, abbiamo tenuto i semi al buio sciacquandoli bene mattina e sera (questo è importante e a questo servono i buchi del contenitore). Quando i germogli sono spuntati e arrivati circa a 3 cm, li abbiamo esposti alla luce per un giorno intero. Prima di consumarli, li abbiamo sciacquati bene per eliminare le bucce.

Il vino giusto da abbinare

Piatti esotici

Come è facilmente comprensibile, si tratta di un oceano di ricette, stili, tradizioni geografiche diverse e molto differenti tra loro. Le accomunano tuttavia, con tutti i rischi delle generalizzazioni spinte, due elementi centrali: la presenza di spezie più o meno piccanti e una quota più o meno accentuata di note agrodolci. Con piatti simili è dimostrato da tempo quanto sia felice l’abbinamento con vini aromatici e dalla misurata presenza zuccherina: Gewürztraminer o Sauvignon da vendemmia tardiva, Pinot Gris alsaziani, Riesling tedeschi. Per quanto possa suonare strano, con molti di questi piatti un rosso leggero, delicato, poco concentrato e soprattutto poco tannico, si esprime a meraviglia: provate ad esempio con una ricetta creola di carni piccanti un Pinot Nero giovane

VINI: Gewürztraminer, Pinot Gris Alsaziano, Riesling , Sauvignon Vendemmia Tardiva

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti