Zaletti

Inserimento della valutazione...
di
Dolci Veneto Qualsiasi Stagione Senza Glutine
Zaletti Foto di Gaia Pedrolli
DIFFICOLTÀ: Facile
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
Biscotti tipici del Veneto, ai quali la presenza della farina di mais conferisce un colore giallo acceso, da cui il nome (zaletti, ovvero gialletti). Croccanti e ricchi di uvetta sultanina questi biscotti sono facili da preparare e gustosissimi.

INGREDIENTI

150 g di mix per frolle e brisé (¶)
150 g di farina di mais fioretto (¶)
100 g di zucchero
100 g di burro
60 g di uvetta sultanina
1 uovo
1 tuorlo d'uovo
30 g di vino passito
un pizzico di sale

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Dosi per 30 biscotti.

Mettete a bagno l’uvetta nel passito, poi scolatela.

Setacciate il mix per frolle e brisé (vedi approfondimento) insieme alla farina di mais fioretto, fate la fontana e mettete nel mezzo il burro a pezzetti. Mescolate velocemente con la punta delle dita fino a ottenere delle briciole fini, quindi rifate la fontana e mettete nel mezzo lo zucchero, i tuorli e l’albume leggermente sbattuti, il passito (in cui avete ammollato l’uvetta) e il sale. Impastate velocemente e, per ultima, unite l’uvetta.

Arrotolate l’impasto a forma di salsicciotto di circa 4 cm di diametro e avvolgetelo nella pellicola, quindi lasciatelo riposare in frigorifero per un’ora.

Passato questo tempo tagliate l’impasto a fette dello spessore di circa 4 mm, disponetele su una placca per dolci rivestita di carta forno e cuocete nel forno preriscaldato a 180 °C, a metà altezza, per 15 minuti.

Trasferite gli zaletti su una gratella per dolci fino a completo raffreddamento.

(¶) Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) sono alimenti a rischio di contaminazione da glutine. 

Per saperne di più

Mix per frolle e brisé (per 1000 g di mix)
400 g di farina di riso finissima
200 g di amido di mais 215 g di amido di tapioca
120 g di fecola di patate
50 g di farina di mais finissima
15 g di xantano


Se non riuscite a trovare l’amido di tapioca potete sostituirlo con pari quantità di amido di riso e/o fecola di patate. Lo xantano, non sempre facile da reperire, si può omettere, sapendo però che l’impasto risulterà più fragile e potrà rompersi e sbriciolarsi con maggiore facilità.
Potete usare anche una farina senza glutine per dolci o una farina senza glutine per frolla confezionate, ma, tenendo conto che non tutte sono uguali, possono avere un retrogusto più o meno marcato, e soprattutto potrebbero richiedere quantità di liquidi (e conseguenti tempi di cottura) diverse rispetto alle dosi indicate nelle ricette.

 

Si possono fare anche con la farina di mais bramata, ottenendo un risultato più rustico. In tal caso aggiungete una puntina di xantano, perché la farina bramata tende a far sbriciolare i biscotti. Fate attenzione che non siano troppo spessi, altrimenti, invece che croccanti, diventeranno spugnosi.

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti