Torta di grano saraceno

Inserimento della valutazione...
di
Dolci Trentino-Alto Adige Senza Glutine
https://player.vimeo.com/video/300239648
Torta di grano saraceno
Foto di Paolo della Corte - Foodrepublic
DIFFICOLTÀ: Media
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 12 PERSONE

INGREDIENTI

250 g di farina di grano saraceno
250 g di farina di mandorle
250 g di ottimo burro morbido
200 g di zucchero
6 uova a temperatura ambiente
un baccello di vaniglia
Per completare
300 g circa di confettura di mirtilli rossi
panna montata
zucchero a velo
Per lo stampo
burro
farina

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Divido in due longitudinalmente il baccello di vaniglia e recupero i semini raschiando con un coltellino. Rompo le uova: faccio cadere gli albumi in una ciotola e lascio i tuorli nei mezzi gusci. Raccolgo il burro, morbido e a pezzetti in una terrina con la metà dello zucchero e i semi di vaniglia e lo monto con la frusta elettrica fino ad avere un composto spumoso.

Ora aggiungo i tuorli, due alla volta, continuando a battere con la frusta e unendo i successivi solo quando i precedenti sono ben amalgamati. Lascio la frusta e, con il cucchiaio di legno, amalgamo un po’ alla volta la farina di mandorle e quella di grano saraceno. Monto gli albumi e, quando sono a neve morbida, unisco il resto dello zucchero e continuo a montare fino a neve ferma.

Amalgamo delicatamente gli albumi al composto con un movimento dal basso in alto, poi verso il composto in una tortiera da 24 cm, imburrata e infarinata e passo la torta nel forno, precedentemente scaldato a 180°, per 45 minuti. Per verificare la cottura, infilo nella torta uno stecchino che dovrà uscire asciutto.

A cottura ultimata, aspetto qualche minuto prima di rovesciare la torta sulla griglia per farla raffreddare. Solo quando è completamente fredda, la divido a metà e la farcisco con la confettura. La ricompongo e la spolvero di zucchero a velo. La accompagno con panna montata.

L’assenza di glutine rende adatta questa torta anche ai celiaci.

 

Il vino giusto da abbinare

Dolci - Secchi

Con i dolci a base di pasta frolla un vino pressoché sempre all’altezza della situazione è il Moscato d’Asti: pochissimo alcol, buona freschezza di frutto, cremosità dell’anidride carbonica a donare slancio. Con i biscotti non farciti si sposa bene il Vin Santo o il Marsala (non troppo secco). Con le crostate di frutta, specie se di ciliegia, mora o in genere di frutti di bosco, funziona bene un Brachetto d’Acqui servito a bassa temperatura.  

VINI: Brachetto d’Acqui, Moscato d’Asti, Vin Santo

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (1) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

maria
1 dicembre 2014 19:39 Se dentro invece della confettura ci metto la Nutella va bene?