Pollo alla basca - pollo a la vasca

Inserimento della valutazione...
di
Carne Spagna Estate Senza Glutine
Pollo alla basca - pollo a la vasca Foto di Paolo della Corte - Foodrepublic
DIFFICOLTÀ: Media
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 6 PERSONE

INGREDIENTI

un grosso pollo (1,8 kg circa)
3-4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
una fetta spessa di prosciutto crudo (100 circa)
2 peperoni rossi
2 peperoni verdi
600 g di pomodori maturi
2 cipolle medie
3 spicchi d’aglio
un peperoncino possibilmente fresco
timo
rosmarino
prezzemolo
sale
pepe

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Fiammeggio il pollo, ripulisco la pelle da eventuali pennette, poi spunto le ali e lo divido in ottavi. Lo lavo sotto l’acqua corrente e lo asciugo con la carta da cucina. Lavo i peperoni, li apro e dopo aver eliminato i semi e le costolature chiare, li taglio a strisce. Taglio a listarelle il prosciutto e affetto finemente le cipolle. Tuffo i pomodori per pochi secondi in acqua in ebollizione, poi li passo in acqua fredda, li spello, li privo dei semi e li trito in maniera grossolana.

Ora scaldo l’olio in un largo tegame e ci metto il pollo con la pelle in sotto. Lo faccio rosolare a fuoco medio alto per un quarto d’ora girandolo un paio di volte, poi lo insaporisco con sale e pepe e lo tiro su lasciandolo in caldo fra due piatti. Metto nel tegame le cipolle e i peperoni, mantengo la fiamma a metà altezza e li faccio soffriggere per circa un quarto d’ora prima di unire il prosciutto, gli spicchi d’aglio grattugiati e il peperoncino, privato dei semi e tagliato sottilissimo.

Mescolo e dopo un paio di minuti, unisco i pomodori e un mazzetto composto da un rametto di rosmarino e 3 o 4 di timo, tenuti insieme con più giri di spago. Mescolo ancora e metto di nuovo nel tegame il pollo. Copro e faccio cuocere per circa 45 minuti, fino a quando il pollo è tenero. A fine cottura assaggio per regolare il sale. Lo servo spolverato di prezzemolo tritato.

È un piatto saporitissimo, da preparare in piena estate quando pomodori e peperoni sono in piena stagione ed è migliore se preparato con un giorno di anticipo e conservato in frigorifero, in modo che i tanti sapori che lo compongono abbiano il tempo di fondersi.

Il vino giusto da abbinare

Volatili e coniglio - Al tegame e casseruola

Le cotture prolungate concentrano i sapori, quindi in linea di massima richiedono vini dalle doti strutturali notevoli: occorre quindi orientarsi verso bianchi di alcolicità adeguata e molto ricchi di profumi – Borgogna bianchi, Soave o Verdicchio maturi – o verso rossi pieni, dai tannini vellutati: Chianti Classico Riserva, Brunello di Montalcino, Barbaresco, Barolo, Aglianico del Vulture. Il pollo al vino (“cocq au vin”) - e più in generale le ricette che richiedono la presenza di un rosso - chiamano in abbinamento lo stesso vino usato per la cottura. In presenza di salse molto dense e speziate funzionano meglio vini aromatici e/o dalla lieve vena zuccherina: Traminer, Pinot Gris alsaziani, vendemmie tardive, o nel campo dei rossi Amarone, Lacrima di Morro d’Alba, Ruchè.

VINI: Borgogna Bianco maturo, Chianti Classico Riserva, Soave maturo

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti