Pandolce

Inserimento della valutazione...
di
Pane, pizze, focacce e torte salate Liguria Inverno
https://player.vimeo.com/video/299893352
Pandolce
Foto di Paolo della Corte - Foodrepublic
DIFFICOLTÀ: Difficile
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

Per il lievitino
150 g di farina Manitoba
20 g di lievito di birra fresco
75 ml d’acqua
un cucchiaino di miele
Per l'impasto
350 g di farina Manitoba
120 ml di acqua
120 g di burro morbido
120 g di zucchero
200 g di uvetta
100 g di canditi misti (scorza di arancia e di cedro)
50 g di pinoli
1/2 cucchiaino di semi di anice
un cucchiaio scarso di acqua di fiori d’arancio
un bicchierino di Marsala (o altro vino dolce profumato)
1/2 cucchiaino di sale

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Per prima cosa preparo il lievitino. Sbriciolo il lievito in una ciotola e lo diluisco con l’acqua appena tiepida. Aggiungo la farina setacciata e il miele e impasto brevemente. Copro la ciotola con la pellicola e faccio lievitare in luogo tiepido fino al raddoppio (circa 30 minuti).
Faccio ammollare l’uvetta in acqua tiepida con l’aggiunta del Marsala. Taglio i canditi a dadini piccoli. Scolo l’uvetta e la asciugo bene.
Per l’impasto, setaccio la farina in una ciotola ampia, faccio la fontana e ci metto il burro, molto morbido a pezzetti, il sale, l’acqua di fiori d’arancio, lo zucchero e circa i 2/3 dell’acqua appena tiepida.
Lavoro energicamente l’impasto fino a quando si staccherà dalle pareti della ciotola, unendo poca per volta il resto dell’acqua solo se necessario. Rovescio la pasta sulla spianatoia infarinata, unisco il lievitino e impasto per una decina di minuti per far ben amalgamare il tutto.
Solo a questo punto unisco i canditi, l’uvetta, i pinoli e i semi d’anice e continuo a impastare fino a che tutto è ben amalgamato. Formo una palla e la metto in una ciotola infarinata, la copro con un panno umido e la faccio lievitare per un’oretta. Trascorso questo tempo, peso l’impasto, lo divido in quattro pezzi uguali e formo altrettante palle lisce e regolari e le sistemo, ben distanziate, su una placca rivestita di cartaforno.
Faccio scaldare il forno per qualche minuto quindi lo spengo e ci metto a lievitare i pandolci senza coprirli lasciando la lampadina accesa.
Essendo un impasto pesante, occorreranno diverse ore, almeno 4 o 5. Quando sono raddoppiati, con un taglierino faccio sopra ognuno una leggera incisione a croce o a triangolo e li metto nel forno a 180° per 45 minuti. Li sforno quando hanno preso un bel colore dorato e li faccio raffreddare su una griglia.

Il vino giusto da abbinare

Dolci - Lievitati burrosi

Si tratta di preparazioni particolarmente dolci e grasse: l’abbinamento con il vino rischia quindi concretamente di risultare pesante qualora si scelgano vini a loro volta molto grassi e zuccherini, come un denso Moscato Passito di Pantelleria. Meglio optare per bianchi più leggeri, poco alcolici, freschi e fruttati: Moscato d’Asti, Prosecco Dry, Asti Spumante.  

VINI: Asti Spumante, Moscato d’Asti, Prosecco Dry

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti