Mariconda

Inserimento della valutazione...
di
Minestre e Zuppe Lombardia
Mariconda Foto di Paolo della Corte - Foodrepublic
DIFFICOLTÀ: Media
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 6 PERSONE

INGREDIENTI

200 g di pane bianco raffermo senza crosta
300 ml circa di latte
un cucchiaio di farina 00
2 uova
50 g di burro
60 g di Parmigiano grattugiato
noce moscata
sale
pepe
Per la cottura
un litro e mezzo circa di brodo di carne

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Taglio il pane a fettine sottili e le dispongo in una ciotola. Le copro a filo con il latte tiepido e lascio riposare per circa un’ora, il tempo che il pane sia ben imbevuto.

Faccio scaldare il burro in una casseruola a fondo pesante e intanto, premendo il pane con la mano aperta, inclino la ciotola e faccio scolare il latte non assorbito dal pane, poi unisco la farina setacciata, mescolo bene e rovescio il composto nella casseruola. Regolo la fiamma al minimo e faccio cuocere mescolando continuamente con un cucchiaio di legno in modo che il composto si asciughi senza attaccarsi.

Quando si è addensato, raccogliendosi a palla, lo verso in una terrina e lo lascio intiepidire. Unisco le uova battute, il Parmigiano, sale e pepe e la noce moscata grattugiata. Lavoro un po’ con il cucchiaio di legno fino a che tutto è ben amalgamato, poi copro la terrina e faccio riposare il composto in frigorifero per un’oretta.

Trascorso questo tempo, trasferisco il composto dentro la sac à poche con la bocchetta da un cm. Metto il brodo sul fuoco e quando si alza l’ebollizione, abbasso la fiamma a metà, e faccio scendere rapidamente degli gnocchetti di circa un cm (oppure li calo nel brodo a piccolissime cucchiaiate). Quando gli gnocchetti sono tutti affiorati, li lascio cuocere dolcemente per 3-4 minuti. Servo la minestra ben calda.

Il vino giusto da abbinare

Zuppe e minestre - Brodo e vellutate

Le paste in brodo classiche, a cominciare dai tortellini e dai cappelletti, sposano perfettamente sia rossi frizzanti come il Lambrusco, sia spumanti maturi come il TrentoDoc e il Franciacorta. Se il brodo è “tirato” - come nella più antica tradizione classica - con vini dal forte tenore alcolico come il Madeira o il Marsala, l’abbinamento con il vino risulterà difficoltoso; in questo caso meglio passare direttamente all’acqua. Le vellutate chiedono bianchi delicati, profumati, tenuemente aromatici.  

VINI: Franciacorta Brut, Lambrusco, Sauvignon

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti