Focaccia di zucca con rosmarino

Inserimento della valutazione...
di
Fuori pasto; Pane, pizze, focacce e torte salate Autunno ; Inverno
Focaccia di zucca con rosmarino Foto di Claudia Annie Carone
DIFFICOLTÀ: Media
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 6 PERSONE

INGREDIENTI

200 g di farina 00
100 g di semola rimacinata di grano duro
250 g di zucca lessa
1/2 cubetto di lievito di birra fresco
180 g di acqua tiepida
1 pizzico di zucchero
2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
1 cucchiaino abbondante di sale
Per l'emulsione con rosmarino
1 cucchiaio di sale grosso dolce di Cervia
2 cucchiai d’olio extravergine d'oliva
1 rametto di rosmarino
2 cucchiai d’acqua

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Croccante fuori e soffice dentro, da leccarsi i baffi! Un utilizzo nuovo della zucca, il tutto arricchito da rosmarino fresco e dal profumatissimo sale dolce di Cervia. Assolutamente da provare.

In un bicchiere unite un pizzico di di zucchero con il lievito sbriciolato e sciogliete tutto in poca acqua tiepida.

In una ciotola capiente mescolate le due farine setacciate, aggiungete la zucca prededentemente lessata e portata a temperatura ambiente e schiacciata come una purea, l’olio d'oliva, il lievito sciolto.
Amalgamate tutto e, solo alla fine, unite il sale; aggiungete l’acqua poco alla volta, mescolando a lungo energicamente per rendere elastica la pasta; oliate la palla di impasto ottenuta, copritela con la pellicola e lasciatela riposare per un'ora in una ciotola unta, in forno spento.

Dopo il riposo riprendetela, mettetela in una teglia oliata del diametro di circa 24 cm e stendetela con le mani. Praticate, con i polpastrelli una leggera pressione e spennellate la superficie con l’emulsione di sale grosso di Cervia, olio, rosmarino e acqua.
Rimettetela in forno spento e fatela riposare ancora 30 minuti.

Tiratela fuori, preriscaldate il forno e mettetela a cuocere per 20 minuti a 220°.

COMMENTI (2) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Giuseppe
3 novembre 2015 09:36 Il sale da aggiungere all'impasto quant'è?
Redazione Piattoforte
5 novembre 2015 16:01 Gentile Giuseppe, grazie per averci fatto notare la dimenticanza. Ne serve un cucchiaino, correggiamo subito.