Curry di gamberi al mango

Inserimento della valutazione...
di
Piatti unici India Senza Glutine
//www.streamera.tv/iframe/43745/piattoforte.it/2c-cherry-di-gamberi-e-mango-720p.61472.html
Curry di gamberi al mango
Foto di Paolo della Corte - Foodrepublic
DIFFICOLTÀ: Media
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

500 g di gamberoni (anche congelati)
500 g di gamberi rossi (anche congelati)
una cipolla media
un mango non troppo maturo
40 g di radice di zenzero
200 ml di latte di cocco
olio di arachide
curry in polvere
coriandolo fresco
un lime
sale
pepe
Per il riso pilaf
300 g di riso Basmati
40 g di burro
½ cipolla
2 chiodi di garofano
sale

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Spello la cipolla e la trito. Dopo aver eliminato la scorza, grattugio lo zenzero. Sbuccio il mango e lo taglio a dadini.

Scaldo 3 cucchiai d’olio in un tegame e faccio appassire dolcemente la cipolla tritata. Quando è trasparente, prima che prenda colore, unisco lo zenzero e 3 cucchiaini di curry. Mescolo, rialzo la fiamma e dopo un paio di minuti aggiungo il latte di cocco. Appena riprende l’ebollizione, metto il coperchio e faccio cuocere dolcemente la salsa per 10 minuti.

Intanto sciacquo rapidamente i gamberoni e li sguscio lasciando attaccata la codina. Spremo il lime.

Trascorsi i 10 minuti, metto nella casseruola i gamberoni, il mango e il succo di lime. Insaporisco con sale e pepe e proseguo la cottura per 7-8 minuti fino a che la salsa è un po’ addensata e i gamberoni sono cotti.

Servo la preparazione ben calda spolverata di coriandolo, accompagnandola con riso pilaf che non è proprio indiano ma trovo che leghi particolarmente bene con questo tipo di preparazioni.

Per saperne di più

Riso pilaf

Verso il riso in un colino e lo sciacquo a lungo sotto l’acqua corrente, poi lo lascio ben sgocciolare e lo allargo su un panno. (Di solito il riso non deve essere lavato ma in questo caso serve a fargli perdere la leggera patina di amido, perché la caratteristica del pilaf è quella di avere i chicchi sciolti e ben sgranati). Trito finissima la cipolla e la faccio appassire a fuoco dolcissimo in una casseruola con il burro. La faccio cuocere per una decina di minuti senza farle prendere colore quindi, se necessario, unisco un goccio di acqua. Ora unisco il riso e lo faccio insaporire per un paio di minuti mescolando continuamente. Quando i chicchi di riso hanno assorbito il grasso diventando lucidi, unisco 550 ml di acqua bollente, una presa di sale e i chiodi di garofano. Appena si alza il bollore, metto il coperchio e abbasso la fiamma al minimo. Lascio cuocere senza mai mescolare o togliere il coperchio per poco più di 8 minuti, fino a quando il riso è completamente asciutto e la superficie appare come bucherellata. Quando è pronto, lo verso nel piatto da portata e lo sgrano con una forchetta.

Il vino giusto da abbinare

Piatti esotici

Come è facilmente comprensibile, si tratta di un oceano di ricette, stili, tradizioni geografiche diverse e molto differenti tra loro. Le accomunano tuttavia, con tutti i rischi delle generalizzazioni spinte, due elementi centrali: la presenza di spezie più o meno piccanti e una quota più o meno accentuata di note agrodolci. Con piatti simili è dimostrato da tempo quanto sia felice l’abbinamento con vini aromatici e dalla misurata presenza zuccherina: Gewürztraminer o Sauvignon da vendemmia tardiva, Pinot Gris alsaziani, Riesling tedeschi. Per quanto possa suonare strano, con molti di questi piatti un rosso leggero, delicato, poco concentrato e soprattutto poco tannico, si esprime a meraviglia: provate ad esempio con una ricetta creola di carni piccanti un Pinot Nero giovane

VINI: Gewürztraminer, Pinot Gris Alsaziano, Riesling , Sauvignon Vendemmia Tardiva

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti