Crespelle alla valdostana

Inserimento della valutazione...
di
Pasta e Gnocchi Valle d'Aosta
Crespelle alla valdostana Foto di Archivio Slow Food/Marcello Marengo
DIFFICOLTÀ: Media
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

Per la pastella
120 g di farina di grano tenero tipo 00
2 uova
un quarto di litro di latte
mezz’etto di burro
una presa di sale
Per il ripieno
8 fette di prosciutto cotto
8 fette di fontina di media stagionatura
pepe
noce moscata

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

1 • In una terrina stemperate la farina nel latte. Unite le uova sbattute, il sale e metà del burro ammorbidito a temperatura ambiente. Amalgamate bene e lasciate riposare il composto per almeno un’ora.

2 • Trascorso questo tempo, friggete la pastella versandola a cucchiaiate nel restante burro, formando 8 sottili crespelle. Scolatele e mettetele ad asciugare su carta da cucina.

3 • Disponete su ogni crespella una fetta di prosciutto e una di fontina. Insaporite con pepe e noce moscata, piegate in due le crespelle e sistematele in una teglia da forno.

4 • Ricoprite con uno strato di fonduta, completate con fiocchetti di burro e infornate per 10-15 minuti a 180 °C.

Il vino giusto da abbinare

Pasta - Paste ripiene

Anche in questo caso “comanda” il tipo di ripieno. Con la classica farcia di ricotta e spinaci va bene un ampio ventaglio di vini bianchi, snelli, freschi, poco alcolici; se la rifinitura è al burro e parmigiano occorre salire un po’ di struttura: ideali, in quest’ultimo caso, i vini spumanti. Con ripieni di pesce si rimane nell’ambito dei bianchi di uno, due o tre anni d’età, senza affinamento nel legno. Con ripieni più corposi, a base di carne e/o salumi, occorre prevedere vini capaci di reggerne la struttura: rosati quali i classici del Salento, rossi non molto fruttati, di buona fittezza tannica, come un Morellino di Scansano o una Barbera dell’Oltrepò. 

VINI: Chardonnay, Franciacorta Millesimati, Morellino di Scansano, Rosato del Salento

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti