Cisrà - zuppa di ceci

Inserimento della valutazione...
di
Minestre e Zuppe Piemonte Autunno ; Inverno
Cisrà - zuppa di ceci Foto di Paolo della Corte - Foodrepublic
DIFFICOLTÀ: Media
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN
PER 6 PERSONE

INGREDIENTI

500 g di ceci
200 g circa di cotica di maiale fresca
un mazzetto di erbe aromatiche (2 foglie di alloro, un rametto di rosmarino, un ciuffo di salvia, gambi di prezzemolo, legati insieme con filo bianco)
3 foglie di verza
una cipolla
3 coste di sedano
2 porri
2 patate
una carota
olio extravergine d’oliva
sale
Per il soffritto
80 g di lardo
15 g di funghi secchi
2 spicchi d’aglio
rosmarino
salvia
Per completare
6 fette di pane casereccio
uno spicchio d’aglio
pepe

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Il giorno prima metto a bagno i ceci in abbondante acqua oligominerale (oppure aggiungo una punta di bicarbonato all’acqua di rubinetto). Il giorno seguente, li scolo e li metto in una pentola con 2 litri di acqua fredda, 2 cucchiai d’olio, la cipolla e il mazzetto di erbe aromatiche. Copro, faccio alzare il bollore quindi abbasso la fiamma al minimo e proseguo la cottura per circa un’ora e mezza.
Nel frattempo fiammeggio la cotica, la raschio bene con il coltello e la scotto per 10 minuti in acqua in ebollizione, quindi la scolo e la faccio lessare in acqua salata fino a quando è tenera (tre quarti d’ora). Pulisco la carota e la taglio a dadini. Elimino quasi tutte la parte verde dei porri e li taglio prima a metà per il lungo e poi a fettine. Lavo le foglie di verza e le taglio a strisce. Pulisco e taglio a dadini anche il sedano. Sbuccio le patate e le lavo. Scolo la cotica e la taglio a striscioline.
Trascorsa l’ora e mezza, unisco ai ceci tutte le verdure, la cotica a striscioline, le patate intere e il sale e proseguo la cottura per un’altra ora.
Faccio ammorbidire i funghi secchi in acqua calda e li strizzo bene. Spezzetto il lardo e lo frullo con i funghi secchi, gli spicchi d’aglio, qualche foglia di salvia e le foglioline di un rametto di rosmarino.
Faccio soffriggere dolcemente il trito in una padellina per una decina di minuti quindi verso questo soffritto profumato nella zuppa, una mezz’ora prima di toglierla dal fuoco.
Quando la zuppa è pronta, elimino il mazzetto di aromi e la cipolla intera. Tiro su le patate, le schiaccio con la forchetta e le rimetto nella pentola. Assaggio, regolo il sale e insaporisco con un’abbondante macinata di pepe. Arrostisco le fette di pane, le strofino con l’aglio e le distribuisco nei piatti fondi con sopra due o tre mestoli di zuppa. Ci sta bene anche un giro di olio d’oliva.

Il vino giusto da abbinare

Minestre e Zuppe - Legumi

Il gusto saporito di molte varietà di fagioli richiede una controparte alcolica adeguata: non abbiate paura a scegliere rossi giovani, poco tannici, snelli, vivaci, come un Santa Maddalena, un Pinot Nero o anche un fresco Dolcetto. La pastosa consistenza dei ceci si sposa bene con bianchi lievemente aromatici, quale il Müller Thurgau o un Sauvignon dai tratti varietali non troppo pronunciati. La relativa dolcezza dei piselli va accompagnata con bianchi giovani e morbidi: Chardonnay, Pinot Bianco, Grechetto. Le lenticchie, specie se con il pomodoro, chiedono vini un po’ più pieni e robusti: rosati e rossi giovani (Freisa, Barbera).

VINI: Alto Adige Santa Maddalena, Dolcetto, Freisa, Müller Thurgau

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (2) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

mario zarrillo
26 febbraio 2015 00:13 protesto perché non consentite di scaricare le ricette. Allora cosa le pubblicate a fare? non condividerò più le vostre ricette.
Redazione Piattoforte
26 febbraio 2015 11:16 Gentile Mario, cosa intende per "scaricare" le ricette? Le nostre si possono salvare tranquillamente, e se si è registrati (la registrazione è semplice e gratuita e permette di ricevere in regalo un ricettario e-book) si possono inserire nel proprio ricettario di Piattoforte da consultare in qualsiasi momento e stampare senza problemi.