Baci di dama

Inserimento della valutazione...
di
Dolci Piemonte Qualsiasi Stagione
Baci di dama Foto di Archivio Slow Food/Marcello Marengo
DIFFICOLTÀ: Media
PREPARAZIONE: MIN
COTTURA: MIN

INGREDIENTI

mezzo chilo di farina di grano tenero tipo 00
mezzo chilo di zucchero semolato
2 etti e mezzo di cioccolato fondente (56% cacao)
3 etti di mandorle pelate
4 etti di nocciole sgusciate e pelate
mezzo chilo di burro
0,5 g di vanillina

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

1. Tostate nel forno le mandorle e le nocciole e riducetele a granella fine.

2. Mescolate la granella con la farina, lo zucchero e la vanillina così da ottenere un composto granuloso. Incorporate il burro ammorbidito, maneggiando l’impasto solo il necessario ad amalgamare gli ingredienti.

3. Con le mani formate palline della dimensione di una ciliegia e allineatele su una placca, distanziandole leggermente. Riscaldate il forno a 170 °C e cuocete per 15-18 minuti, cercando di fare fuoriuscire il vapore interno del forno aprendo e chiudendo lo sportello un paio di volte, in modo che l’impasto risulti croccante e friabile. Una volta sfornati, lasciate raffreddare e staccateli dalla placca.

4. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente e, quando sarà diventato una crema liquida, spalmatene uno strato sul lato piatto di un dolcetto unendolo a un altro (accoppiateli scegliendo i più simili e, se hanno problemi di equilibrio, sistemateli in pirottini). La crema di cioccolato, raffreddandosi, li terrà insieme, creando la caratteristica forma a semisfere sovrapposte.

Per saperne di più

La ricetta proposta è quella della Pasticceria Bottaro e Campora di Ovada, in provincia di Alessandria.

Il vino giusto da abbinare

Dolci - Secchi

Con i dolci a base di pasta frolla un vino pressoché sempre all’altezza della situazione è il Moscato d’Asti: pochissimo alcol, buona freschezza di frutto, cremosità dell’anidride carbonica a donare slancio. Con i biscotti non farciti si sposa bene il Vin Santo o il Marsala (non troppo secco). Con le crostate di frutta, specie se di ciliegia, mora o in genere di frutti di bosco, funziona bene un Brachetto d’Acqui servito a bassa temperatura.  

VINI: Brachetto d’Acqui, Moscato d’Asti, Vin Santo

(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti