SOTTOPIATTO Dove mangiare

Trattoria La Brinca a Campo di Ne

di Gabriele Rosso 09 set 2014 1

Luogo ideale in cui assaporare un angolo di Liguria dell'entroterra.

L'ingresso della trattoria.

Certi luoghi del gusto te li devi andare a cercare, rincorrendoli tra strade strette e tortuose. E dire che il Levante ligure tra Rapallo, Portofino, Chiavari e Sestri è zona battuta. Per trovare la trattoria La Brinca, tuttavia, bisogna arrampicarsi nell'entroterra di Lavagna e sfidare qualche tornante e una manciata di strettoie. Niente che possa far desistere dall'intenzione di macinare un po' di chilometri e godere di una delle tavole liguri più veraci e interessanti, la cui fama attira fino alla frazione di Campo di Ne e indifferentemente turisti, gourmet e curiosi con la passione per la forchetta.

A sinistra il tagliere di salumi. A destra gli gnocchetti di farina di castagna con pesto al mortaio, prescinseua, fagiolini e patate.

Siamo nel golfo del Tigullio, dove oltre alle spiagge, alle baie e ai piccoli borghi sul mare si affacciano anche le colline che danno vita a vini e oli di pregio. Dalla sala della trattoria si può ammirare il panorama dei boschi circostanti, da cui provengono, tra l'altro, i funghi e le castagne che arricchiscono il menu. Non a caso la cucina di casa rispecchia fedelmente la tradizione contadina dell'entroterra ligure, senza concessioni alla vicina influenza marinara. Una carta che si distingue per la costante presenza dei grandi classici della gastronomia ligure: i testaieu (o frisciulle), il cuniggiu magro (una variante del cappon magro), i taglierini fatti a mano al sugo di funghi, gli gnocchetti di farina di castagna al pesto, prescinseua (formaggio fresco acido), fagiolini e patate, le lattughe ripiene in brodo. Tra i secondi, poi, fanno capolino il coniglio al forno ripieno alle erbe, le tomaxelle (involtini di vitello con ripieno di carne e sugo ai funghi), il cinghiale in casseruola o il fritto misto alla genovese. Bella selezione di formaggi e ampia scelta di dolci – sorbetti, semifreddi, torte – a completare la proposta “cibaria”.  

A sinistra le tomaxelle, a destra alcuni dolci della casa.

Il tutto accompagnato da una carta dei vini che, al bevitore più appassionato, farà perdere lunghi minuti in “silente contemplazione”: convincente la selezione delle etichette liguri, profondissima e variegata la proposta di bottiglie provenienti da altre regioni e dall'estero. Un'ulteriore dimostrazione del grande lavoro portato avanti negli anni da Sergio Ciriella e dalla sua famiglia, che permette agli avventori di alzarsi da tavola con la soddisfazione di chi ha potuto assaporare la genuinità di questo angolo di terra.

Trattoria La Brinca
via Campo di Ne 58, Ne (GE)
Tel. 0185 337639
www.labrinca.it
Chiuso il lunedì, a pranzo aperto solo sabato, domenica e festivi.
Prezzi: circa 35-40 euro bevande escluse.

COMMENTI (1) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Sergio Circella
10 settembre 2014 00:05 Grazie!!! Pubblicato su https://www.facebook.com/pages/La-Brinca/264267027029287 http://www.labrinca.it/index.php?ID=6