SOTTOPIATTO News

Per un pugno di link: quello che scrivono gli altri

di Gabriele Rosso 15 dic 2018 1

Scartatori d'uvetta scansatevi, gli hotel milanesi e l'alta ristorazione, le zecche e una misteriosa allergia alla carne, il supermercato texano super-texano.

Le cose più interessanti che ho letto sul web negli ultimi giorni.

Elogio dell’uvetta
Natale vuol dire mangiate pantagrueliche, ma anche e soprattutto panettoni (e classifiche dei panettoni), bollicine (e classifiche delle bollicine), libri di cucina da regalare (e classifiche dei libri di cucina da regalare). In questo turbinio che per chi legge molto online, ma non solo, risulta a dir poco ripetitivo, battuto soltanto dai telegiornali estivi che raccomandano di bere acqua e mangiare frutta e verdura per ovviare al caldo, il pezzo di Teresa Bellemo è una vera e propria boccata d'ossigeno. Qui il panettone diventa il pretesto per parlare di uvetta, a partire dalla (per me cattiva) abitudine di scartarla, per arrivare all'economia globale di questo ingrediente così importante e iconico per le nostre festività. Un'ottima lettura defaticante - Rivista Studio

Boom a Milano per la cucina d’hotel. Storia dell’alta ristorazione d’albergo
Il numero cartaceo di dicembre del Gambero Rosso contiene un focus sull'alta ristorazione e gli alberghi. E questo bel pezzo di Gabriele Zanatta, che si concentra sulla scena milanese, ne anticipa un pezzo. Qui si racconta di come a Milano il rapporto tra alberghi di lusso e alta ristorazione sia sempre stato difficile, arrivando solo negli ultimi anni a rinverdirsi e a gettare promettenti ponti con il Vun di Andrea Aprea e il Seta di Antonio Guida. Una tendenza bizzarramente recente, se pensiamo a come nella storia della ristorazione d'élite il binomio albergo-ristorante abbia scritto pagine centrali e importantissime, dal rapporto Ritz-Escoffier agli sviluppi inevitabilmente parigini - Gambero Rosso

OLTRE CONFINE

What is behind the spread of a mysterious allergy to meat?
Il titolo di questo lungo articolo di Maryn McKenna racconta di una misteriosa allergia alla carne che si starebbe diffondendo qua e là nel mondo. In un'epoca di allarmi fuori controllo e di fobie che portano ad abitudini alimentari assolutamente ingiustificate (dicono niente i non celiaci che mangiano solo cibi per celiaci?), è scontato che sia necessario andarci con i piedi di piombo. Ma questa storia, raccontata con dovizia di particolari, seppur molto al limite tra gastronomia e ricerca medica è comunque interessante, perché ci apre un po' la mente sui temi della sicurezza alimentare, appunto, e della salute. Insomma, la faccio breve che a essere lunghino è già l'articolo: i morsi di alcune zecche possono sviluppare forme più o meno violente di intolleranza a tutti i prodotti derivati dai mammiferi, e questa cosa è stata scoperta da poco. Prima che i vegani più radicalizzati si buttino sopra alla notizia, vale la pena informarci a dovere su sintomi e possibili cure - The Guardian

H-E-B Forever
Un altro longform, che avvicinandoci al periodo natalizio magari c'è un po' più di voglia di perdersi in letture lunghe e gratificanti. In questo articolo Priya Krishna racconta la storia di una catena di supermercati texana di nome H-E-B. Una vera e propria istituzione, da quelle parti. E un colosso di fatturato, oltretutto. Il segreto del successo che ha portato un piccolo negozio aperto nel 1905 a diventare un simbolo della texanità (si dirà così?)? Semplice, la texanità: H-E-B è sempre stata pensata per assecondare lo stile di vita texano, e si rivolge in modo efficace e aperto alla comunità in cui è inserita. Insomma, sembra proprio la storia di una ricetta vincente, no? - Eater

IN PILLOLE

Guida breve alla cucina coreana
Il titolo dice quasi tutto: un pezzo veloce alla scoperta di una cucina asiatica in ascesa qui da noi, per chi non ne può più di cinesi iper-cheap e sushi a perdifiato, e vuole scoprire il magico potere dei cibi fermentati - Esquire

It Could Be the Age of the Chicken, Geologically
Con 65 miliardi (!!!) di polli consumati ogni anno, potrebbe essere sensato riconoscere che viviamo nell'epoca del pollo - The New York Times

COMMENTI (1) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Simone
30 dicembre 2018 16:14 Vi segnalo il libro "La Cucina secondo Rosita", secondo me non il classico libro di cucina ma un interessante approccio a una filosofia tradizionale che si sta perdendo. Si trova solo su Amazon, é una piccola chicca.