SOTTOPIATTO Cibi & Ricette

5 cocktail Low Calorie che non vi aspettereste mai

di Camilla Micheletti 04 lug 2019 0

Dallo Sherry Tonic al Sazerac no sugar: una lista di skinny drinks per mantenersi leggeri dall’aperitivo al dopocena.

Quando arriva l’estate ci sentiamo tutti più leggeri e spensierati, ma spesso è difficile mantenere questa leggerezza anche a tavola e, soprattutto, al bar. Coniugare la vita sociale – che nelle felici serate estive si trasforma in una sfilata di apertivi e dopocena – con la bilancia sembra un’impresa ardua e talvolta impossibile.

Per colmare queste difficoltà corre in nostro aiuto lo studio delle calorie: per capire che cosa bere se vogliamo evitare di assumere troppi zuccheri basta dare un’occhiata al movimento dei cocktail low calorie o skinny cocktails, una scienza quasi esatta che manterrà gli zuccheri in giro nel vostro corpo (alcol a parte) a livelli accettabili. 


Sherry&Tonic

Partiamo con un drink che spopola in Gran Bretagna ma che da noi non ha ancora conquistato tutti i palati: lo Sherry&Tonic nasce sull’onda della moda spagnola del Gin&Tonic, quando alcuni barman hanno provato a mescolare la tonica con il popolare vino fortificato made in Spagna. Leggero, rinfrescante e decisamente poco calorico (70 calorie a cocktail), è forse un tantino dolce per chi cerca sapori forti, ma gli aromi che riesce a sprigionare e la bevibilità compensano l’assenza di un’alcolicità più importante.

Sherry&Tonic

Vodka Soda

Rigorosamente preparato con il seltz o con la tonica senza zucchero, un Vodka Soda permette di restare leggeri sia all’aperitivo che al dopocena, con le sue 97 calorie per drink. Tra i cocktail con un più alto grado alcolico il Vodka Soda è quello con cui si possono ridurre maggiormente le calorie: con un’aggiunta di lime è perfetto per chi cerca qualcosa di secco, fresco e dissetante.

Vodka Soda

Low sugar Sazerac

Come l’Old Fashioned, questo classico di New Orleans è stato tra i primi cocktail a essere inserito nei manuali e nelle drink list: la ricetta originale prevede una zolletta di zucchero in aggiunta al Peychaud, all’assenzio e al rye whiskey, che può essere sostituita con la stevia per un minore apporto di calorie. Una buona opzione per i bevitori di whisky, il distillato più calorico tra tutti quelli abitualmente consumati nei bar.

Low sugar Sazerac

Bloody Mary

Il più famoso drink per l’hangover e per il brunch è anche perfetto per chi vuole controllare l’apporto di zuccheri: il succo di pomodoro contiene poche calorie, così come la vodka, distillato secco e poco zuccherino. Nella sua versione alcolica il Boody Mary ha 130 calorie. In versione analcolica, eliminando i 4,5 cl di vodka della ricetta originale, si dimezzano le calorie.

Bloody Mary

Mimosa

Tra gli alcolici lo champagne è tra quelli che contengono meno calorie e il drink realizzato mescolando succo d’arancia e bollicine raggiunge a malapena le 75 calorie (che scendono ulteriormente se si utilizza un succo senza zuccheri). Una buona notizia per chi partecipa agli addii al nubilato – dove si registra la maggiore concentrazione di Mimosa – e deve essere sicuro di entrare tranquillamente nel vestito del matrimonio.

Mimosa
COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti