il BOTTIGLIERE Attualità

“Vino al vino. Alla ricerca dei vini genuini”. Torna il classico di Mario Soldati

di Fabio Rizzari 20 ott 2017 3

È di nuovo in libreria per Bompiani il libro di Soldati che racconta il viaggio attraverso l’Italia alla ricerca del “vino prelibato, che sfida ogni pubblicità”.

Un vino bisogna considerarlo come il volto di una fanciulla, come un cielo, un tramonto, un paesaggio, un’opera d’arte, come qualcosa, insomma, che vive e che fa parte della nostra vita,
non come qualcosa che sia staccato da noi, e definibile rigorosamente in se stesso.

Mario Soldati, Vino al Vino

Di tanto in tanto, come un viaggiatore che si sia perso per le stradine di una città sconosciuta, transita per le pagine di questo blog un lettore astemio, o alle prime armi tra cavatappi, etichette astruse, annate, nomi di vignaioli difficili da memorizzare.

Se oggi per caso un simile visitatore mi sta leggendo, nel suo pieno diritto ignorerà il libro Vino al Vino scritto da Mario Soldati oltre quarant’anni fa. Ebbene, per offrigli le giuste proporzioni Vino al Vino è per il mondo degli enofili ciò che è il Talmud per quello degli ebrei, o la Stele di Rosetta per gli egittologi, o il navigatore di google maps per gli automobilisti: un testo centrale e decisivo.

Non mi metterò quindi di sicuro a tentarne un abbozzo di recensione, sarebbe come voler descrivere in poche righe la città di Parigi. Mi limito a segnalare l’uscita di una nuova edizione del sacro libro per i tipi della storica casa editrice Bompiani. Era ora che l’opera fosse rispolverata e riproposta all’attenzione degli appassionati più giovani. Con un’attenta ricerca in rete (su Ebay, per dirne una) se ne trova qualche copia edita negli anni Ottanta, e addirittura – più episodicamente – un esemplare degli anni Settanta. Ma quest’ultima realizzazione garantisce una reperibilità meno impervia in (quasi) tutte le librerie.

Per il suddetto lettore di passaggio, riporto quanto recita l’ammirevole tentativo di riassunto del risvolto di coperta, e tanto gli basti per oggi, prima di acquistare e leggere il libro:

Figura eccezionale nella storia culturale del novecento, Soldati racconta i suoi tre viaggi compiuti attraverso l’Italia alla ricerca dei vini genuini, alcuni famosi, altri noti, altri ancora no. Ma non si tratta di una semplice guida enologica: è un libro che parla di paesaggi, di uomini, di case, ville e castelli incontrati e amorevolmente scrutati in un itinerario alla ricerca di una civiltà autentica, legata alla terra e al clima, che ha nel vino uno dei suoi prodotti più sinceri, frutto dell’equilibrio tra natura e cultura.

Dal Trentino-Alto Adige alla Sicilia e alla Sardegna, l’autore si addentra nella provincia italiana alla ricerca del “vino prelibato, che schiva ogni pubblicità”, che “vuole essere scoperto e conosciuto in solitudine, o nella religiosa compagnia di pochi amici”. Pur non essendo un enologo professionista, come tiene più volte a ricordare, Soldati considera ciascun vino dotato di una sua unicità, si impegna a comprenderlo e ne apparecchia un ritratto per i lettori, quasi si trattasse una persona.

Leggi gli ultimi post di Fabio Rizzari:
Cos’è il palato assoluto e perché non è per forza un superpotere
⇒ Frontiere della degustazione: le schede diacroniche.
⇒ La forma del bicchiere influenza molto lassaggio dei vini: sì o no?


 

 

  

COMMENTI (3) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

amadio ruggeri
20 ottobre 2017 08:51 Qualche anno fa ho avuto la fortuna di trovare, nella libreria d'occasione Simon Tanner di Roma, una prima edizione del libro. Concordo, per gli appassionati, a tutti i livelli, è la bibbia, il sacro testo di riferimento, con meravigliose storie di uomini e vigne (e vini naturalmente).
erique
21 ottobre 2017 15:33 la domanda è se hanno finalmente recuperato anche le bellissime foto dell'edizione originale. io ho il primo e il terzo libro, le immagini rendono la narrazione ancora più poetica (e poi si vedono vigne, ad esempio, a Capri dove oggi non ce ne sono quasi più).
gp
24 ottobre 2017 10:41 Veramente non è la prima volta che questo triplo libro di Soldati (i viaggi narrati sono infatti tre) viene ripubblicato. 10 anni fa Mondadori l'aveva ripubblicato nella collana "Oscar grandi classici": questo mi ha dato l'occasione di leggerlo senza dover pettinare le librerie (più o meno) antiquarie alla ricerca degli originali.