APPUNTI in cucina Ricette e fai così

La ricetta delle frittelle di zucchine, brutte ma buone

di Annalisa Barbagli 02 ago 2018 1

Considerata l'invasione di zucchine che avviene d'estate, ogni alternativa ai loro impieghi più tradizionali è la benvenuta.

Foto di Annalisa Barbagli

Le preparo spesso queste frittelline, che mi piace chiamare “brutte ma buone”, e ogni volta che grattugio le zucchine mi riviene in mente il mio nonno materno, specie quando arriva il momento in cui vanno strizzate.

Il nonno era un vero buongustaio, anche se non mangione e, pur non disprezzando le verdure, ogni volta che vedeva in tavola le zucchine bollite, che piacevano a tutti gli altri, non mancava mai di ripetere, ridendo, che la loro fine migliore sarebbe stata quella di strizzarle bene bene dentro un tovagliolo per poi scuoterlo fuori dalla finestra.

La sua passione era la carne e a casa sua ogni giorno per desinare, prima del piatto forte e dopo la minestra in brodo (anche in estate!), arrivava in tavola il lesso che era la cosa che gli piaceva di più. Dopo la battuta del tovagliolo, la nonna scuoteva la testa e mangiava in pace le sue zucchine lesse.

Ingredienti per 4 persone

700 g di zucchine
2 uova
2 cucchiai semi colmi di farina
una bella manciata di parmigiano grattugiato
una manciatina di prezzemolo (o 5-6 foglie di menta)
noce moscata
sale e pepe
olio di arachide per friggere

Preparazione della ricetta

Dopo averle lavate, spunto le zucchine e le passo dalla grattugia a fori larghi ottenendo una julienne sottile che lascio cadere in una ciotola. Unisco alle zucchine un cucchiaino da tè di sale e mescolo bene con le mani, poi le passo in un colino e le lascio sgocciolare per un’oretta.

Foto di Annalisa Barbagli

Batto le uova in una ciotola, unisco la farina setacciata e mescolo bene per eliminare i grumi, poi aggiungo il formaggio, una manciatina di prezzemolo tritato, una grattata di noce moscata e una macinata di pepe (niente sale). Strizzo forte fra le mani le zucchine per eliminare il più possibile l’acqua di vegetazione rimasta e le amalgamo al composto di uova e farina.

Foto di Annalisa Barbagli

Metto sul fuoco la padella con due dita d’olio e, quando è ben caldo, calo il composto a piccole cucchiaiate (con il cucchiaino da tè).

Foto di Annalisa Barbagli

Faccio friggere le frittelle per 3-4 minuti girandole una volta e le scolo quando hanno preso un bel colore, passandole su un doppio foglio di carta da cucina. Le servo subito caldissime.

COMMENTI (1) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Maria Mannuzzu
30 agosto 2016 09:42 Dando per scontato che fritte sono decisamente più buone, sarebbe possibile la versione al forno?